Il Serpente: simbolo del Bene o del Male?

Fonte:http://www.coscienzeinrete.net/spiritualita

“È detto nella Genesi che il serpente era «il più astuto di
tutti gli animali dei campi». Fu lui che persuase Adamo ed Eva a
disobbedire agli ordini di Dio e a mangiare il frutto dell’Albero
della Conoscenza del bene e del male. Ma nel libro dell’Esodo, è
scritto che Mosè, su ordine di Dio, aveva fatto fabbricare un
serpente di bronzo, e chiunque guardasse quel serpente veniva
guarito. E quando Gesù invia in missione i suoi discepoli, dice
loro: «Siate prudenti come i serpenti e semplici come la
colomba». Egli fa dunque del serpente un simbolo di saggezza.

Allo stesso modo, in India, i saggi sono talvolta chiamati nagi, ossia “serpenti”. Secondo i casi, il serpente è dunque presentato come un’entità benefica oppure malefica. Come
spiegare questa apparente contraddizione? Essendo stato il serpente a incitare Eva e Adamo ad assaporare il frutto dell’Albero della Conoscenza del bene e del male, si è fatto di questo animale uno dei simboli della conoscenza. Ora, la
conoscenza è neutra. Essa è buona o cattiva a seconda del modo in cui la si utilizza. Gli esseri più istruiti possono essere i più grandi benefattori o i più grandi criminali. “Conoscere” dà dei poteri.

Coloro che utilizzano il proprio sapere per il male, sono legati all’aspetto tenebroso del serpente: sono i maghi neri. E coloro che lo utilizzano per il bene, sono legati al suo aspetto luminoso e sono i maghi bianchi.

Omraam Mikhaël Aïvanhov

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>