E a Folgaria, al confine con il Vicentino, torna la Guerra Fredda…

Fonte: il Giornale di Vicenza

Li hanno rimessi lì dove sono stati fino al 1978. Ma non portano più esplosivi e non volano: fanno parte da pochi giorni del Museo sulla Guerra Fredda allestito nell’ex “Base Tuono” della Nato ricostruita a Passo Coe-Monte Toraro vicino a Folgaria, al confine con il Vicentino.

Firenze, torna alla luce il teatro romano “sepolto” sotto Palazzo Vecchio

Fonte: Mensile del gruppo archeologico C.R.T.
scritto da: Michelangelo Zucchini
a cura di: Roberto Cegalin

Un grande teatro romano “sepolto” sotto le successive costruzioni e ampliamenti di Palazzo Vecchio. Ora l’antico teatro di Florentia torna alla luce,grazie ai sei anni di scavi finalmente ultimati e sarà il più antico “pezzo” del nuovo museo della città di Firenze che verrà trasferito dalla biblioteca delle Oblate proprio a Palazzo Vecchio.

Con la riscoperta del teatro romano inizia un percorso che porterà a Palazzo Vecchio il museo della città e il conseguente allargamento della biblioteca.

Il museo racconterà la storia di Firenze proprio partendo dalle fondamenta e arrivando fino alle terrazze di Palazzo Vecchio,affascinando cittadini e turisti con l’illustrazione della tradizione e dell’evoluzione millenaria della sede del potere cittadino.

Una equipe italiana torna a far splendere HIERAPOLIS

Fonte: Mensile del gruppo archeologico C.R.T.
scritto da: Michelangelo Zucchini
a cura di: Roberto Cegalin 

Sarà una missione archeologica italiana a ricreare una delle più fastose facciate teatrali in marmo dell’antichità. In Turchia,presso la città romano-ellenistica di Hierapolis(l’odierna Pamukkale) situata nella regione una volta denominata Frigia sta per avere inizio un ambizioso progetto: la ricostruzione della facciata teatrale costruita sotto il regno di Settimio Severo agli inizi del III sec. D.c., uno degli esempi meglio conservati dell’architettura c.d. “barocca” sviluppatasi nelle province orientali dell’Impero Romano.

La facciata,larga 47 metri e alta circa 30, composta da tre piani di marmi decorati in maniera splendida,crollò nell’orchestra del teatro a seguito di un terremoto avvenuto attorno la metà del VII secolo d.c. Dal 1957 una missione italiana scava per riportare alla luce le migliaia di blocchi di marmo rimasti sepolti dal sisma.

Vendevano le tre figliolette per pochi euro

Fonti:AGI, Agenzia Giornalistica Iitaliana

Terribile il dramma su cui hanno fatto luce i poliziotti della Sezione di polizia giudiziaria presso la Procura per i minorenni di Palermo che, in collaborazione con gli agenti del commissariato di Porto Empedocle (Agrigento), hanno dato esecuzione a una ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti del padre di tre bambine e alla misura degli arresti domiciliari a carico della madre e di un altro uomo di 78 anni, conoscente della coppia, con l’accusa per tutti di aver costretto con minaccia e violenza le tre minori a compiere e subire atti sessuali, con l’aggravante di aver commesso il fatto nei confronti di persona minore di 14 anni.
Gli episodi sono avvenuti a Lampedusa. Per i genitori e’ scattata anche l’accusa di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione: infatti, lasciavano che il 78 enne arrestato abusasse delle figlie nella loro casa dietro il pagamento di danaro e le accompagnavano nei pressi del parco giochi o della scuola di Lampedusa facendole prostituire.
Le ordinanze sono state adottate dal gip di Palermo su richiesta del pm. Il padre e’ stato rinchiuso all’Ucciardone, mentre la madre e l’altro uomo sono stati condotti presso le rispettive abitazioni di Porto Empedocle e Lampedusa. Gia’ dal 2007 il nucleo familiare era sotto la lente dei servizi sociali, tanto che la forte situazione di degrado aveva indotto il Tribunale per i minorenni a provvedere all’inserimento dei minori presso una comunita’. E proprio nel corso di alcuni colloqui nella struttura, una delle ragazzine aveva raccontato raccapriccianti episodi di abusi sessuali compiuti da minorenni e maggiorenni a Lampedusa. Alle bambine venivano regalate delle somme di denaro che variavano dai 3 ai 10 euro. Soldi che poi davano ai genitori. La procura per i minorenni di Palermo, informata dei fatti, ha cosi’ dato incarico a dei consulenti tecnici di procedere all’audizione delle vittime che hanno confermato il drammatico scenario di violenze e di maltrattamenti. Genitori non solo sfruttatori della prostituzione delle loro figlie, ma anche responsabili di ricorrenti violenze sessuali (anche di gruppo) in un contesto di sistematici maltrattamenti fisici e di dolorosa omerta’ di cui portavano addosso i segni; infatti le bimbe venivano picchiate con bastoni e prese a morsi nelle gambe. Un padre seviziatore delle proprie figlie, con il consenso, la complicita’ e la divertita partecipazione della madre. Le bimbe hanno chiesto ai loro ‘salvatori’ di potere cambiare famiglia. (AGI) .

Massimiliano Frassi

Massimiliano Frassi è nato a Lovere (Bergamo) il 13.08.1969. Dopo la laurea ha deciso di impegnarsi attivamente nel sociale, operando dapprima nel campo dell’emarginazione grave adulta.
Successivamente diventa fondatore e presidente dell’Associazione Prometeo onlus che da anni si occupa di lotta alla pedofilia, sostenendo le vittime dei pedofili e lavorando per creare una presa di coscienza del problema da parte della società.
E’ autore di tre libri bestseller che hanno venduto oltre 150.000 copie in Italia e Svizzera, “I bambini delle fogne di Bucarest” (sei edizioni, con prefazione di Maria Rita Parsi), “L’inferno degli angeli” (quattro edizioni, con prefazione di Maurizio Costanzo) e l’ultimo “Predatori di bambini – libro nero della pedofilia” uscito in una nuova versione pubblicata da Macro Edizioni.
Suo anche il blog più letto in Italia, tra quelli aventi come tema l’infanzia violata: www.massimilianofrassi.splinder.com 
Frassi è stato promotore di una proposta di legge contro la pedofilia e tiene circa 200 conferenze all’anno. Molto amato dalla gente è invece da sempre duramente attaccato da movimenti pedofili italiani e stranieri.
Massimiliano Frassi è stato insignito di numerosi riconoscimenti tra cui il premio Kiwanis – We Build International 2000, la medaglia della Polizia di Stato, conferitagli dal Questore di Bergamo nel 2003 e la medaglia d’oro del F.B.I., assegnata a lui (ed alla Prometeo) dal responsabile della storica F.B.I. di New York nel 2004. La sua associazione (unico caso in Italia), nel 2006, ha conseguito il prestigioso Premio Livatino, intitolato al noto Giudice anti-mafia, “pro bene justitiae”.
Frassi è consulente nel campo del sociale, è assessore tecnico alla famiglia in un comune della bergamasca ed è stato nominato “difensore civico nel campo dei minori” dall’associazione nazionale difensori civici

La Cina cerca il «cacciatore di Yeti»

Dopo 30 anni riprende una ricerca internazionale

La Cina cerca il «cacciatore di Yeti»

Gli scienziati stanno reclutando personale «qualificato» nella provincia dell’Hubei

Dopo 30 anni riprende una ricerca internazionale

La Cina cerca il «cacciatore di Yeti»

 DI :G Elmar Burchia

Gli scienziati stanno reclutando personale «qualificato» nella provincia dell’Hubei

MILANO – Hai tra i 25 e i 40 anni? Sei una persona paziente? Fisicamente in forma? Con nozioni basilari di biologia e ti appassiona la fotografia? Allora potresti essere il candidato ideale per diventare un «cacciatore di Yeti». In Cina sta infatti per partire la prima spedizione internazionale dopo oltre tre decadi. L’obiettivo: scovare finalmente il leggendario Yeti, sulla cui reale esistenza si dibatte ormai da decenni. «Cerchiamo gente che sia convinta della cosa, perché abbiamo un sacco di lavoro che ci aspetta», ha sottolineato il responsabile del gruppo di ricercatori. E se Messner avesse avuto ragione?

TRA MITO E REALTÀ – A riferire dell’insolita offerta di lavoro è stata l’agenzia ufficiale cinese Xinhua. Il costo complessivo del progetto di ricerca si aggira su 1,5 milioni di dollari. La creatura pelosa delle montagne è presente in molte culture: oltre la Cina, gli Stati Uniti e anche sulle Alpi in Valtellina. In realtà dovrebbe oramai essere assodato che la creatura esiste solo nella mitologia. Ma il dilemma continua a non esser sciolto: esiste davvero o è solo una leggenda? Prove concrete della sua esistenza non ce ne sono. Solamente una paio di testimonianze e alcune foto sbiadite.

CACCIATORI CONVINTI – Un gruppo di ricerca in Cina intende ora dimostrare che lo Yeti esiste davvero. In queste settimane gli scienziati stanno reclutando personale qualificato nella provincia dell’Hubei (Cina centrale) per una spedizione nelle montagne della riserva naturale di Shennongjia. Come riferisce la Cnn, citando l’agenzia di Stato cinese, i candidati adatti dovrebbero avere tra i 25 e i 40 anni. Pochi per la verità i requisiti necessari: pazienza, conoscenze in biologia, competenze nell’ambito della fotografia, fisico allenato. «La cosa più importante è che troviamo membri che siano realmente convinti, perché abbiamo un bel po’ di lavoro davanti a noi», ha affermato Luo Baosheng, vice presidente dell’associazione «Uomo selvatico» di Hubei. Il progetto, in collaborazione con l’Università delle Tre gole, prevede di coinvolgere non meno di cento sostenitori. Nel frattempo gli organizzatori stanno raggranellando il denaro per sostenere i costi. «A bilancio mettiamo almeno 1,5 milioni di dollari», illustra Wang Shancai, archeologo presso l’Istituto di archeologia e beni culturali della provincia di Hubei. I finanziamenti dovrebbero arrivare da privati, società e istituzioni.

AVVISTAMENTI – Tuttavia, c’è da stare certi, le tecniche di persuasione che dovranno utilizzare gli ambiziosi scienziati dovranno essere più che efficaci. L’ultima ricerca dello Yeti in Cina fu sospesa quasi trent’anni fa. Senza risultati. Le prime notizie dell’esistenza dell’enigmatica creatura risalgono al 1832, quando un inglese che aveva vissuto in Nepal, riferì di convinzioni della popolazione locale. Nel 1953, anno della prima ascensione all’Everest, John Hunt, il capo spedizione di Edmund Hillary, raccontò di quanto gli venne riferito da un monaco locale, che aveva visto uno Yeti giocare nella neve nel posto dove la spedizione si stava accampando. Anche il grande scalatore sudtirolese Reinhold Messner ha raccontato di aver visto e fotografato ben tre esemplari di yeti sulla catena dell’Himalaya, un «incontro» avvenuto a 6 mila metri. Non sarebbe così diverso da come la gente lo immagina: sta sui due piedi, è tutto peloso, è alto circa due metri e con braccia e gambe relativamente corte.

REPERTI – Nelle foreste che la spedizione cinese ha vuole setacciare sono stati registrati in tutto più di 400 avvistamenti. Gli scienziati cinesi si sono dedicati al fenomeno dello Yeti a partire dagli anni Settanta. Già allora furono trovati capelli, escrementi, orme e un punto dove avrebbe dormito quella che i testimoni sostengono sia la mitica creatura. Nei primi anni Ottanta partì l’ultima spedizione, come racconta l’agenzia Xinhua. I ricercatori non trovarono nulla. Ora, con le nuove tecnologie a disposizione, sperano in una caccia più proficua.

COLDIRETTI: 30% DEL CIBO FINISCE TRA RIFIUTI, SPRECATI 37 MLD

Autore: Lino Bottaro

15:47 03 OTT 2010
(AGI) – Roma, 3 ott. – Il 30% del cibo acquistato dagli italiani finisce nella spazzatura ma puo’ pero’ essere “salvato” dai trucchi della cucina antispreco, che utilizza gli alimenti avanzati grazie ai segreti dei piatti della nonna. Ad affermarlo e’ la Coldiretti che in occasione della “Biodomenica” ha apparecchiato in via dei Fori Imperiali la prima “tavola degli avanzi”.
Nelle nostre case – sottolinea la Coldiretti – ad essere gettati nel bidone sono soprattutto frutta, verdura, pane, pasta, latticini e affettati che si classificano tra i prodotti piu’ a rischio: si stima che in Italia, a causa degli sprechi, si perde cibo sufficiente a nutrire 44 milioni di persone (l’intera popolazione della Spagna) per un valore che ammonta a circa 37 miliardi di euro, ben il 3% del pil, secondo una indagine di “Last Minute Market” dell’Universita’ di Bologna. “Recuperare con un po’ di fantasia i cibi rimasti sulle tavole non e’ dunque – ricorda Coldiretti – solo un modo per risparmiare senza rinunciare ad ingredienti naturali e di qualita’, ma anche la dimostrazione di un impegno concreto alla riduzione dello spreco delle risorse agro-alimentari. Un aiuto anche per l’ambiente con una minore produzione di rifiuti, il cui smaltimento rappresenta oggi uno dei principali problemi delle economie sviluppate”.
I PIATTI ANTISPRECO
L’attenzione alla ricerca della qualita’ in tavola a buon mercato e’ confermata da fatto che quasi quattro italiani su 10 (il 37%) dedicano parte del tempo libero al giardinaggio e alla cura dell’orto, come misura antistress, per passione, per garantirsi cibi di qualita’ o anche solo per risparmiare. I piatti antispreco sono tanti, basta solo un po’ di estro e si possono preparare delle ottime polpette recuperando della carne macinata avanzata semplicemente aggiungendo uova, pane duro e formaggio oppure la frittata di pasta per riutilizzare gli spaghetti del giorno prima; e ancora, la pizza rustica per consumare le verdure avanzate avvolgendole in una croccante sfoglia. Se avanza del pane, invece, si puo’ optare per la piu’ classica panzanella aggiungendo semplici ingredienti sempre presenti in ogni casa come pomodoro olio e sale per arrivare alla piu’ tradizionale ribollita che utilizza cibi poveri come fagioli, cavoli, carote, zucchine, pomodori e bietole gia’ cotte da unire al pane raffermo. Anche la frutta puo’ essere facilmente recuperata: caramellata, cotta per diventare marmellata o semplicemente in macedonia. Polpette, frittate, pizze farcite, ratatouille e macedonia non sono pero’ solo un’ottima soluzione per non gettare nella spazzatura gli avanzi: aiutano anche a non far sparire tradizioni culinarie del passato secondo una usanza molto diffusa che ha dato origine a piatti diventati simbolo della cultura enogastronomica del territorio come la ribollita toscana, i canederli trentini, la pinza veneta o al sud la frittata di pasta.
Tags: Italia, Spagna, Coldiretti, Last Minute Market, Università di Bologna

Aiuti: la mano che strangola l’Africa

Autore: Lino Bottaro

Finalmente un pò di verità per spezzare il velo dell’ipocrisia e dello strozzinaggio occidentale

fonte:peacereporter.net
Un libro-pamphlet di una brillante economista rovescia un luogo comune

L’hanno definita l’anti-Bono per il pragmatismo ai limiti del cinismo, per il messaggio antibuonista che va diffondendo: basta aiuti, basta donazioni, basta soldi a pioggia e basta con gli “aiuti glamour” sponsorizzati dal cantante degli U2 e altri vip.

Si può dare di più?
E’ Dombisa Moyo, giovane e brillante economista autrice di un libro pamphlet che sta facendo discutere perché sostiene che l’Africa non è povera nonostante gli aiuti ma proprio a causa di questi ultimi. Nelle 230 pagine di La carità che uccide, destreggiandosi tra le mille iniziative e i tanti programmi messi in piedi, l’autrice spiega spiega perché la terapia che avrebbe dovuto salvare il continente dimenticato si è trasformata in una iniezione letale. Sull’Africa sub-sahariana, in 50 anni sono piovuti oltre mille miliardi di dollari eppure, sostiene l’autrice, il 50 per cento dei poveri di tutto il mondo si concentra lì; “Tra il 1981 e il 2002, il numero di africani che vivono in povertà è raddoppiato”, scrive a pagina 30, l’aspettativa di vita non è miglorata, l’alfabetizzazione degli adulti è precipitata sotto i livelli del 1980 mentre indicatori come quelli sanitari e quelli sulla distribuzione del reddito sono ancora da incubo. “L’Africa non sta soltanto tendendo verso il basso, sta completamente scollegandosi dai progressi raggiunti nel resto del mondo”.

Un ciclo devastante. Colpa di una politica assistenzialista, spiega la Moyo, modellata sul piano Marshall, che dall’inizio degli anni Sessanta ha fatto fluire aiuti nella forma di prestiti concessionali (da rimborsare) e sovvenzioni (a fondo perduto). Cento milioni di dollari all’inizio degli anni Sessanta, che erano diventati 950 già nel 1965 e così via: più si dava e più si doveva dare. In parte perché i tassi d’interesse, molto bassi all’inizio, negli anni Settanta avevano cominciato a salire, strangolando molti Paesi: nel 1982 Angola, Camerun, Costa D’Avorio, Gabon, Gambia, Mozambico, Niger, Nigeria, Tanzania, Zambia si dichiararono inadempienti. In parte perché, soprattutto durante la Guerra Fredda, gli aiuti dell’Occidente servivano più che altro a comprare fedeltà. E questo ha generato il vero mostro che si è mangiato il futuro del continente: la corruzione, il killer silenzioso del continente. Scoraggia investimenti interni ed esteri, rende il Paese più debole e più bisognoso, ma soprattutto impedisce la formazione di un mercato interno. In Niger, ad esempio, si muore di fame ma sulle bancarelle la merce resta invenduta: la popolazione non la può comprare. Una conferma la si avrà guardando ai recenti tumulti per il pane in Mozambico. Non lo dice solo la Moyo; basta leggere un report della World Bank intitolato Silent and Lethal: How Quiet Corruption Undermines Africa’s Development Efforts. Economie deboli, troppo legate all’export di materie prime e quindi vulnerabili di fronte alla volatilità dei prezzi, con governi corrotti e rapaci: qui c’è a causa del male africano. Un altro economista, Garf Lambdorff, ha calcolato che un punto percentuale sulla scala da 1 (massima corruzione) a 10 (corruzione inesistente) di Trasparency International, corrispondono a quattro punti percentuali di Pil. Gli aiuti sono una delle cause principali della corruzione e del fallimento economico. Infine, non alleviano la povertà, la peggiorano; i Paesi più dipendenti sono quelli che hanno mostrato i tassi di crescita inferiori (- 0,2 per cento in media) mentre quelli che si sono smarcati dall’assistenza, come Botswana e Malawi, hanno registrato una crescita miracolosa. Ma a New York già si è capito che mancherà una riflessione su questo aspetto e si continuerà a chiedere uno sforzo in più, sull’onda delle prediche di Bono e di altri samaritani glamour.

Alberto Tundo

Glutammato, aspartame e danni neuronali

“Eccitotossine: i sapori pericolosi per la salute”
di Marcello Pamio,

Il glutammato o acido glutammico, da un punto di vista nutrizionale è un amminoacido definito “non essenziale”, poiché può essere sintetizzato dall’organismo stesso, dal punto di vista biochimico svolge un ruolo fondamentale nel metabolismo cellulare.
Negli alimenti, l’acido glutammico può essere presente in due forme: quella “legata” (ad altri aminoacidi) che contribuisce alla costruzione delle proteine, ed è quella più consistente, e quella “libera” come singolo aminoacido, quasi irrisoria.
Alcuni recenti studi hanno dimostrato che il glutammato presente nei cibi è la principale fonte di energia dell’intestino e che la sensazione di fame vorace è determinata proprio dalla presenza di questo aminoacido.

Del glutammato ingerito, solo una piccola percentuale viene assorbita dal corpo, il resto deve essere in qualche modo eliminato, con un dispendio energetico non indifferente! Ma non sempre si riesce a sbarazzarsi completamente del glutammato superfluo…
Introducendo con l’alimentazione una eccitotossina come il glutammato o l’aspartato, i loro livelli nel sangue aumentano da 20 fino a 40 volte.

Questo eccesso, oltre a stimolare tutti i recettori del corpo può creare serie problematiche alla salute.
Per capire questo meccanismo dobbiamo sapere che tutti i nostri organi (cervello, cuore, intestino, fegato, ecc.), hanno dei recettori specifici per il glutammato, perfino la barriera emato-encefalica del cervello.

Polmoni, ovaie, apparati di riproduzione e anche lo stesso sperma, le ghiandole adrenaliniche, le ossa e il pancreas sono controllate dai recettori del glutammato. Si possono immaginare i recettori come delle speciali “serrature”, e le “chiavi” in grado di aprirle sarebbero alcune sostanze chimiche come appunto il glutammato e l’aspartato.
La barriera emato-encefalica, la cui funzione vitale è quella di proteggere il cervello da elementi nocivi esterni, è da sempre considerata una barriera insuperabile: una serratura inespugnabile.

Ma questo purtroppo non corrisponde al vero, perché tale barriera possiede recettori (serrature) all’interno e anche all’esterno della stessa, e quando arriva la chiave (glutammato e/o aspartato), queste “serrature chimiche” si aprono, schiudendo pericolosamente la porta a qualsivoglia sostanza tossica come i metalli pesanti, e non solo.

Continue aperture di questa barriera sono associate a patologie degenerative come i morbi di Parkinson, Huntington e Alzheimer (demenza senile), o comportamentali come il deficit di attenzione (A.D.D.), l’iperattività (A.D.H.D.), la sclerosi laterale, ecc.
I problemi non finiscono qua: assumendo con l’alimentazione un eccesso di glutammato, questo viene trasportato dal sangue in tutto il corpo, andando a stimolare tutti gli organi che hanno proprio quei recettori.

Capita che alcune persone dopo l’ingestione di queste sostanze hanno forti scariche di diarrea, proprio perché il glutammato stimola in questo caso i recettori che si trovano nell’esofago e nell’intestino. Altre persone invece, possono sviluppare la sindrome del colon irritabile e, se soffrono di reflusso esofageo, questo può peggiorare di molto.

Quando il fenomeno interessa il sistema cardiocircolatorio e in particolare il cuore, si possono scatenare infarti anche letali. Tutto l’intero sistema di conduzione del cuore è pieno di ogni sorta di recettori del glutammato!

Questa potrebbe essere una spiegazione del perché gli infarti sono in crescita esponenziale, sia tra persone giovani che tra sportivi.

La medicina ufficiale, come sempre non è in grado di spiegare questa vera e propria pandemia, mentre il neurochirurgo americano Russell Blaylock, ha le idee molto chiare in proposito.

La sua esperienza lo ha convinto a denunciare pubblicamente che quello che accomuna tutti questi casi, e cioè gli infarti tra giovani e sportivi, è un basso livello di magnesio nelle cellule e un alto livello di eccitotossine.
Quando il magnesio nel sangue è basso, i recettori del glutammato diventano ipersensibili e quindi le persone – specie gli atleti che non sopperiscono tale carenza dovuta ad un eccessivo sforzo fisico mediante una alimentazione sana – possono avere infarti improvvisi anche letali.

Riferendosi agli sportivi, il dottor Blaylock dice che: “se mangiano o bevono qualcosa che contiene glutammato (una diet-coke prima di allenarsi per esempio), si produce una iperattività cardiaca e potrebbero morire di infarto. L’infarto improvviso è dovuto a due cose: aritmia, molto più diffusa, e spasmi delle coronarie. Entrambe le cose potrebbero essere provocate dal glutammato”.[1]

I medici non conoscono i recettori del glutammato lungo tutto il condotto elettrico del cuore e nel suo muscolo.

Vi sono nel mondo occidentale milioni di persone che soffrendo di aritmia hanno cambiato il proprio stile di vita, ma nessuno dice loro di evitare glutammato e aspartame, che sono la maggior fonte di sovraccarico cardiaco! Nessuno glielo dice perché soprattutto i medici non prendono in considerazione questo serio problema.

Tutto quello appena detto per il glutammato vale anche per l’aspartato, che si trova principalmente nello zucchero chiamato aspartame, contenuto purtroppo in oltre 6000 prodotti alimentari diversi.

Il glutammato, come abbiamo visto prima, è presente in molti alimenti proteici come carni, salumi, uova, pesce, verdure, cereali, formaggi stagionati, ma anche in prodotti come glutammato monosodico (M.S.G. il comune dado per brodi), estratto di lievito, proteine vegetali idrolizzate, sodio caseinato, calcio caseinato, salse, cibi surgelati, prodotti da forno, piatti pronti, snack, maionese, ecc.

Spesso è presente nell’estratto di malto, brodo, condimenti e salse, mentre non è mai contenuto negli enzimi.

Un altro tassello importante per comprendere meglio il quadro generale sono le scoperte fatte nel 1989 dal dottor R.C. Henneberry e colleghi, i quali hanno dimostrato che se i neuroni sono deficitari di energia, diventano ipersensibili agli effetti tossici del glutammato e delle altre eccitotossine[2].

Usando neuroni dei cervelletto e cervello, i ricercatori hanno constatato che, quando i livelli di magnesio e glucosio erano correttamente presenti, il glutammato anche a livelli alti non causava la morte cellulare.

Viceversa, quando il magnesio era scarso, anche piccolissime dosi di eccitotossine, erano in grado di uccidere i neuroni.

Questa scoperta, fatta oltre vent’anni fa, è estremamente importante per cercare di evitare i danni delle tossine.

La cosa importante da ricordare è che il magnesio offre una considerabile protezione contro le eccitotossine, e questa protezione si riduce ulteriormente quando il livello di energia del cervello è basso…

UNA PAGINA DI STORIA POCO CONOSCIUTA:NAZISMO ESOTERICO E MASSONICO …

Scaller de Lubicz e le radici naziste dell’Egittologia alternativa

Secondo l’opinione del matematico Otto Neugebauer, riportata da Laura Knight-Jadczyk, la civiltà egiziana era statica e limitata.
Inoltre, è crollata su se stessa da sola e “non produsse mai niente di significativo a beneficio dell’umanità”. Per Neugebauer la civiltà egiziana fu un “ostacolo allo sviluppo dell’umanità”.
Lo stile di vita dei faraoni era quello di un gruppo elitario, servito ed adorato da tutti gli altri, e che pensava che tutti gli altri fossero sacrificabili all’occorrenza.
Questa interpretazione si rivela molto interessante come premessa all’analisi che faremo del periodo egiziano di R.A. Schwaller de Lubicz (RSDL) che si insediò in Egitto nel 1938 e che per 15 anni studiò il simbolismo dei templi, particolarmente quelli di Luxor, trovando quelle che considerò le prove che l’antico Egitto era un esempio fondamentale di Sinarchia, perchè era governato da un gruppo elitario di iniziati.

L’esame dell’ideologia di RSDL lo colloca solidamente nel contesto dello specifico sistema politico-esoterico chiamato Sinarchia.
Si tratta del “governo delle società segrete”, ovvero di iniziati che operano dietro le quinte. Uno degli obiettivi della Sinarchia ai tempi di RSDL fu la creazione di una “Unione federale europea”.
I Sinarchi avevano stretti contatti con i Martinisti, e l’ideale sinarchico influenzò i martinisti e gli occultisti dell’inizio del ‘900.

Fra i sinarchi vi erano, fra gli altri, membri di logge massoniche francesi e Rudolf Hess.
Gli svariati domicili di RSDL coincisero con i mutamenti di governo nel paese dove risiedeva in quel momento: lui era un sinarca non solo a parole ma anche nei fatti, particolarmente attivo negli eventi che diedero forma alla sua epoca.
Anzi, la storia potrebbe un giorno dover riconoscere che la sua fu una delle maggiori influenze politiche del ventesimo secolo.

Note biografiche su R.A. Schwaller de Lubicz …

RSDL è stato definito un “protofascista” da Saul Bellow nell’introduzione di “Al-Kemi” di André vanden Broek: infatti, fu una figura di grande influenza nello sviluppo delle coloriture mistiche del nazismo e una particolare fonte di ispirazione per il vice di Hitler, Rudolf Hess, dedito a pratiche occulte. RSDL era di destra ed era considerato l’eminenza grigia del Partito Nazista, visceralmente antisemita (da “Al-Kemi” di André vanden Broek).
RSDL fu attratto dall’occultismo all’età di 18 anni a Parigi e fu coinvolto nella Società Teosofica.
A Parigi entrò in un gruppo alchemico, la Confraternita di Eliopoli. RSDL dichiarò di aver ispirato anche l’autore che con lo pseudonimo di Fulcanelli firmò “Il mistero delle cattedrali” (1925).
Infatti RSDL sostenne di aver scoperto i principi ermetici codificati nelle cattedrali gotiche, cosa che più tardi egli riscontrò anche nei templi egiziani.

Nel 1918 fondò un gruppo interno alla Società Teosofica noto come “I Vigilanti”, che in seguito divenne autonomo per meglio coltivare le ambizioni politiche degli aderenti. Il gruppo era composto da esoteristi ed artisti.

In quegli anni RSDL disegnò per se e per i suoi discepoli un’uniforme, che in seguito sarebbe stata adottata dalle SA, i repalti d’assalto della Germania nazista, gli antesignani delle SS, che contribuirono all’ascesa al potere di Hitler.
Molti dei Vigilanti furono coinvolti negli eventi politici che portarono al sorgere dei movimenti fascisti e nazisti in Europa.

Dopo soli due anni il gruppo fu sciolto, ma RSDL incaricò i seguaci di diffonderne i principi nei loro campi di influenza. Da Parigi RSDL si spostò prima in Svizzera (fino al 1927) e quindi in Francia (1927-1930).
Nel 1930 si trasferì a Palma di Majorca nell’abitazione che appartenne e Raimondo Lullo, ufficialmente per studiare i manoscritti del rinomato maestro di Alchimia, mentre dal 1938 al 1952 risiedette in Egitto.

Non si trattava di spostamenti casuali. Infatti RSDL era un filosofo della politica. Occorre notare che le sue partenze dalla Spagna e dall’Egitto coincisero con la presa del potere della destra, rispettivamente subito dopo la vittoria di Franco e subito dopo il colpo di stato militare in Egitto.

Picknett e Prince [1] ipotizzano che RSDL combinasse le pratiche occultiste con l’attività di spionaggio per conto di “qualche potente organizzazione internazionale”. L’origine del denaro di cui disponeva RSDL rimane un mistero.
Proveniva da una famiglia modesta e i suoi libri non furono mai dei best seller, eppure era più che benestante.
Era forse pagato per il ruolo svolto nel preparare il terreno ai vari colpi di stato ? Godeva di una sorta di vitalizio per i suoi servizi di agente segreto ? Secondo Picknett e Prince “entrambe le ipotesi sembrano plausibili”.

RSDL rappresenta inoltre la connessione tra le SS e l’Egitto. Mentre molti ricercatori contemporanei denigrano il lavoro di RSDL accusandolo di essere sia sciatto che imperfetto, e altri semplicemente collegano la sua dottrina al suo aperto supporto al regime nazista, non è tuttavia semplice ignorarlo a causa di ciò.

Ad esempio, fu RSDL che per primo notò che il dilavamento della Sfinge non era compatibile per una sua datazione alla Quarta Dinastia, facendo risalire il monumento ad un epoca ben più antica[2].
I metodi di RSDL, comunque, erano di casa presso l’Ahnenerbe e, ancora più importante, all’interno del gruppo di Hans Kammler che elaborò tutta una serie di “progetti neri”. In breve, RSDL vedeva la cultura ed i geroglifici egiziani come segni visibili di una cultura molto sviluppata attraverso il pensiero, la scienza e la pratica analogici piuttosto che analitici.

Ma, ancora più importante, fu la conoscenza della “scienza religiosa” dell’Egitto da parte di RSDL che quindi era nella posizione di chiarire il significato di Sirio per gli Egiziani.
Sirio giocava il “ruolo del sole centrale al nostro intero sistema solare ” e ciò gli suggeriva “l’esistenza di un sistema cosmico” di strutture atomiche il cui nucleo è dentro al “Grande Provider”, il Sothis degli antichi”[6].

RSDL conosceva anche l’antico simbolismo dietro i tre colori della bandiera tedesca – nero, rosso e bianco – in associazione con l’Egitto e Atlantide, un simbolismo del quale chiaramente anche i Nazisti erano al corrente.
Così, nella sua variante egiziana, il mito del “sole nero” è collegato al sistema stellare di Sirio, e con tutte le associazioni con la resurrezione dalla morte e con la “forza vitale” inerenti la religione faraonica.

Per l’Ahnenerbe delle SS, questo era un potente mix se ricordiamo la dichiarata propensione di Heinrich Himmler, rivelata in una lettera che egli scrisse ad uno scienziato dell’Ahnenerbe, istituto deputato non solo allo studio della scienza-religione egiziana e dell’occulto, ma la cui principale mission era quella di un “istituto per la ricerca scientifica militare”[7].
Di conseguenza, gli scienziati dell’Ahnenerbe che lavoravano ai suoi vari progetti segreti avevano una base ideologica per la più mondana visione del “Sole Nero”, e cioè l’estrema forza gravitazionale esibita dalla massa che ruotava attorno al centro della galassia.

I testi antichi possono offrire una chiave per resuscitare una scienza perduta, una scienza molto diversa da quella ideologicamente catalogata come “la fisica ebraica della relatività”, ma in linea con la fisica “ariana” della meccanica quantistica, e con la sua predizione matematica del flusso energetico nel vuoto, o “energia di punto zero”.

Non c’è bisogno di aggiungere che il simbolismo del Sole Nero formava la dottrina centrale della società che anticipò il Nazismo, la Società Thule.

La stessa svastica, in questo contesto, diviene non solo un ben noto simbolo di una antica tradizione esoterica, ma anche un talismano di magia cerimoniale a scala celeste, deliberatamente scelta per rispecchiare la rotazione apparente di una ben nota costellazione attorno al Polo Nord.

Questa concezione della fisica quantistica, i soli neri, l’azione a distanza e la rotazione celeste fornisce la prova di una forte influenza ideologica da parte del gruppo SS capeggiato da Hans Kammler, i cui esperimenti si focalizzavano, appunto, sulla fisica non lineare[8].
Gli accadimenti in Egitto ai tempi di R.A. Schwaller de Lubicz

La Fratellanza Musulmana è una creatura di Londra e fu fondata in Egitto nel 1928 dall’agente controllato dagli inglesi Hasan al-Banna, un mistico Sufi nonchè appartenenete alla Massoneria [9].
Allo stesso tempo, Banna coltivava una celata opposizione all’influenza occidentale sull’Egitto.

Quando Hitler ascese al potere, al Banna fu contattato attraverso i servizi segreti nazisti per una eventuale collaborazione, essendo egli un devoto ammiratore di Hitler[10].
In seguito ad una corrispondenza fra Hitler e Banna, questi fu arruolato dai servizi nazisti insieme ad altri membri della Fratellanza Musulmana per fornire informazioni sotto copertura sugli Inglesi con lo scopo di scalzare il controllo di questi sull’Egitto[11].
Nell’ottobre del 1933 fu fondato il movimento fascista del “Giovane Egitto”, che comprendeva due futuri presidenti egiziani, Nasser e Sadat, movimento che ben presto collaborò con la Fratellanza Musulmana di Banna.
Un individuo chiave nella connessione Islamo-fascista fu il Gran Mufti di Gerusalemme, Hajj Amin al Husseini, che più tardi divenne il mentore di Yasser Arafat.

A partire dal 1933, al Husseini si incontrò regolarmente con i rappresentanti locali nazisti e professò apertamente idee filo-hitleriane. Durante questi incontri, egli svolgeva il ruolo di mediatore tra la Fratellanza Musulmana e i Nazisti.
Tra il 1936 ed il 1939, Adolf Eichmann vistò il finanziamento da parte delle SS ad Husseini, con lo scopo di incoraggiare una rivolta contro gli Inglesi nella regione medio-orientale[12].
Comunque, alla fine degli anni ’30, Husseini apertamente chiese che i Tedeschi fornissero aiuti alle forze arabe. Nel 1941 Husseini supportò la rivolta in Iraq, nella quale fu coinvolto lo zio di Saddam Hussein, Khairallah Tulfah.
Per il restante periodo bellico Husseini fu ospitato in Germania, ed aiutò a formare la divisione “Hanjar” delle Waffen-SS formata da musulmani della Bosnia, a cui apparteneva anche Alija Izetbegovic, che in seguito guidò il movimento per l’indipendenza della Bosnia[13].
Nell’estate del 1942, quando l’Afrika Korps di Erwin Rommel si trovava sulla strada del Cairo, Nasser, Sadat e gli adepti del “Giovane Egitto” erano in contatto con le forze d’attacco tedesche e si preparavano ad organizzare, in collaborazione con la Fratellanza Musulmana, una sollevazione anti-inglese nella capitale egiziana[14]. Ma il piano fallì.

Alla fine della Guerra, Husseini volò dalla Germania in Egitto. Il suo arrivo nel 1946 costituì una testa di ponte per il successivo flusso di ex-nazisti.
Il Cairo divenne un porto sicuro per varie migliaia di fuggitivi tedeschi, ed il loro aiuto fu fondamentale per il colpo di stato del 23 luglio del 1952[12].

Miles Copeland, un ex agente della CIA, specializzato sul Medio Oriente, ha rivelato nella sua autobiografia, The Game Player, che nel 1951 e 1952 la CIA iniziò a interessarsi di Nasser attraverso un progetto conosciuto segretamente come “La ricerca del mussulmano Billy Graham”.
Secondo Copeland, che attivò il progetto nel 1953, la CIA aveva bisogno di un leader carismatico per disinnescare la crescente ostilità anti-americana che a quel tempo dominava in Egitto.

Copeland descrive il primo meeting segreto che ebbe con tre ufficiali dell’esercito egiziano, incluso il Maggiore Abdel Moneim Ra’ouf, della cerchia intima di Gamal Abdel Nasser.

Nel marzo del 1952, Kermit “Kim” Roosevelt, nipote del Presidente Roosevelt, che comandava le operazioni della CIA del Vicino Oriente, incontrò varie volte Nasser che portarono al colpo di stato quattro mesi dopo.
Nella notte fra il 22 e il 23 luglio 1952 un colpo di Stato fu portato a compimento e Re Fārūq I, detronizzato, fu costretto il 26 all’esilio. Un Governo provvisorio fu formato e a guidarlo fu chiamato il rispettato generale d’origine nubiana Muhammad Nagīb, che il 18 giugno 1953 divenne il primo Presidente della Repubblica.
Nel 1954 Nagīb fu però costretto a lasciare spazio all'”uomo forte” del regime, il colonnello Gamal Abd al-Nasser.

Quando Nasser volle esaminare a fondo la situazione dei Servizi Segreti egiziani, si rivolse alla CIA. Comunque il governo americano riteneva rischioso politicamente aiutare direttamente Nasser.
Copeland ricorda nelle sue memorie che quindi la CIA finanziò oltre un centinaio di esperti Nazisti di spionaggio e militari per preparare unità della polizia e dell’esercito egiziano nella metà degli anni ’50[14].

La “Gehlen Organization” era una sezone interna alla CIA che comprendeva fuoriusciti Nazisti, di cui Allen Dulles, capo della CIA, aveva incaricato ex generale nazista Reinhard Gehlen, il quale cominciò col recuperare 350 ufficiali Nazisti non appena furono rilasciati dai campi di internamento.
Alla fine i “V-men”, agenti ex-Nazisti sotto copertura, erano ben 4.000.
I più famosi fra questi erano Klaus Barbie, altrimenti conosciuto come il “macellaio di Lione”, Alois Brunner, il braccio destro di Eichmann nell’architettare la Soluzione Finale e Emil Augsburg, che diresse l’Istituto Wannsee, dove fu formulata la Soluzione Finale, e che espresse anche una unità operativa specializzata nello sterminio degli ebrei.

Un altro era il capo Gestapo Heinrich Müller, diretto superiore di Eichmann, la cui firma appare su ordini scritti nel 1943 per la deportazione di ebrei ad Auschwitz.

Per mettere in piedi il servizio segreto egiziano, Gehlen si servì dell’uomo migliore che conosceva, l’ex colonnello delle SS Otto Scorzeny, che alla fine della guerra aveva organizzato la infame operazione Odessa, con lo scopo di facilitare la fuga dei nazisti ricercati. Con Skorzeny che si occupava dell’assistenza di Nasser, l’egitto divenne un luogo sicuro per i criminali di guerra Nazisti[12].

I Nazisti si interessarono dell’Antico Egitto

Una storia è venuta alla luce di recente e lega i nazisti e la camera della Regina, all’interno della Grande Piramide di Cheope.
Gli appassionati di storia sanno che nel febbraio 1941 la celebre Afrika Korps tedesca, comandata dal generale Erwin Rommel, arrivò in Africa settentrionale per dar man forte alle armate italiane in lotta con gli inglesi.

Ma, si dice, la spedizione di Rommel aveva forse anche un altro scopo, tutt’altro che militare.
C’era infatti da appoggiare una missione segreta affidata a due alti ufficiali: si chiamavano Neumann-Sylkow e Von Ravenstein. A loro spettava, secondo gli ordini di Berlino, di gestire una rete di spie e agenti infiltrati oltre le linee inglesi col compito di penetrare nella Grande Piramide e verificare se era vero quanto era stato riferito pochi mesi prima ad Hitler.
Un ricercatore tedesco, recentemente, ha potuto consultare alcuni dossier provenienti dagli archivi degli ex servizi segreti della Germania Est, la Stasi. Da quelle carte risulterebbe che qualcuno aveva convinto Hitler che nella Grande Piramide, in un rifugio segreto, erano conservati da tempo immemorabile i “I libri segreti di Toth”, antichi papiri su cui erano riportate formule e istruzioni risalenti ad una civiltà pre egiziana. Una civiltà subito identificata con Atlantide…

Ma chi era Toth? Per gli egizi questo dio, dalle origini misteriose, era lo scriba divino, colui che negli inferi teneva il conto dei peccati dei morti.
Da qui anche l’identificazione di Toth col dio della scrittura, della parola, del pensiero. Secondo la tradizione i suoi poteri lo resero un mago temibile e quindi anche il protettore della magia. Un rapporto che si è riprodotto nel tempo: infatti per i greci Toth era il Dio Hermes, poi divenuto in età classica e poi nel Rinascimento quell’Ermete Trismegisto, il cosiddetto “Tre volte saggio”, considerato il padre di tutta la tradizione esoterica occidentale.

Una tradizione in cui confluiscono astrologia, alchimia, esoterismo ebraico ed egizio, scienze occulte e filosofie neo-platoniche e gnostiche.
Ebbene, sembra che i nazisti fossero convinti che il sapere occulto di millenni fosse racchiuso in papiri nascosti dietro le pareti o il pavimento della Camera della Regina. Forse in quella “Camera segreta” di cui tanto si parla da qualche tempo.

Non sappiamo se gli agenti di Hitler siano riusciti a penetrare in questa stanza e a trovare quello che cercavano. Probabilmente no. L’unica cosa che possiamo dire è che secondo alcuni la “fonte” che aveva spinto Hitler e i suoi uomini a questa singolare ricerca era un egittologo abbastanza noto: si chiamava R.A. Schwaller de Lubicz[15].

Note

[1]Lynn Picknett & Clive Prince. Il Complotto Stargate: siamo davvero pronti al ritorno degli dei ? Sperling & Kupfer Editori.
[2] L’osservazione di de Lubicz, infatti, ha ispirato le investigazioni di John Anthony West e Robert Shock, che hanno ri-datato la Sfinge approssimativamente all’8.000 aC, sulla base di evidenze geologiche, una conclusione che ha provocato onde scioccanti attraverso la comunità di egittologi, e che continua a mantenerte vivo un vigoroso dibattito nei circoli accademici
[3] R.A. Schwaller de Lubicz, Symbol and the Symbolic, (New York: Inner Traditions International, 1978), pp. 7, 20. In italiano: Simbolo e simbolica, Arkeios edizioni.
[4] Ibid., p. 46.
[5] De Lubicz, op. cit, p. 25.
[6] De Lubicz, Sacred Science: The King of Pharaonic Theocracy (Rochester, Vermont” Inner Traditions International, 1981), p. 28. In italiano: La scienza sacra dei faraoni, Edizioni Mediterranee o la Teocrazia Faraonica.
[7] Ibid., pp. 202-205.
[8]Joseph P. Farrell – Reich of the Black Sun, Nazi secret weapons & the Cold War allied legend – Capitolo 11. The black order: the occult influence on Nazi secret weapons.
http://missilegate.com/rfz/swaz/index.htm
[9] Robert Dreyfuss, Hostage to Khomeini, pag. 100.
[10] John Lotus, “Al Qaeda Terrorists Nazi Connection” http://www.warriorsfortruth.com/al-queda-terrorists-nazi-connection.html
[11]Marc Erikson ” Islamism, fascism and terrorism (Part 3)”
http://www.atimes.com/atimes/Middle_East/DL04Ak01.html
[12] David Livingstone “Terrorism & Illuminati”
[13] World Future Fund ” Totalitarianism in the Islamic Word: the influence of Nazi Germany.
http://www.worldfuturefund.org/wffmaster/Reading/Total/islamfascist.htm
[13]Marc Erikson ” Islamism, fascism and terrorism (Part 3)”
http://www.atimes.com/atimes/Middle_East/DL04Ak01.html
[14]Questo sito che conteneva le informazioni di cui sopra è stato hacckerato dallo SPLC che evidentemente non ama le connessioni fra i “Nazi ed i musulmani:
http://www.geocities.com/johnathanrgalt/Swastika_Crescent.html
[15] Riassunto della puntata di Voyager dedicata al nazismo esoterico
http://luisareali.giovani.it/diari/2677521/nazismo_esoterico.html