La sindrome russa delle pinete scozzesi

Fonte: http://www.salvaleforeste.it

   Secondo i funzionari della Forestry Commission Scotland, i boschi scozzesi sono minacciati da una falena gigante proveniente dalla Russia, la Dendrolimus pini, le cui larve provocano danni su larga scala alle foreste di pini devastando migliaia di ettari. La Forestry Commission Scotland sta tentando di arrestare la diffusione di della falena.

 

I bruchi della falena crescono fino a oltre di tre centimetri di lunghezza, e divorano gli aghi di pino, spogliando della vegetazione intere aree di bosco.
Nonostante le dimensioni relativamente modeste del bruco, la falena è enorme – le femmine hanno un’apertura alare l’ampiezza di mano di un uomo.
Molti degli alberi attaccati dai bruchi muoiono perché restano senza aghi e diventano suscettibili alle malattie, come scarabei di corteccia e insetti che si nutrono del legno.

Ospite preferito della falena è il pino silvestre. Tuttavia, questa si nutre anche di altre specie di conifere, tra cui l’abete rosso, lo Sitka abete rosso e il larice, tutte specie coltivate commercialmente in Scozia, contribuendo ad un’industria del valore di £ 800 milioni di anni.

La Forestry Commission Scotland ha avvertito che la falena potrebbe rappresentare “un rischio significativo in termini di posti di lavoro e imprese”, in particolare nelle zone rurali economicamente fragili.

Le falene sono state individuate in Scozia in una piantagione di pini a ovest di Inverness nel 2004, poi la presenza di questo lepidottero non è stata più segnalata fino al 2008.
Da allora, rigorose misure di controllo sono state messe in atto per evitare la diffusione dell’insetto distruttivo. Gli studi suggeriscono che il cambiamento climatico e l’aumento della siccità potrebbe favorire un’ulteriore diffusione delle falene. Gli insetti in grado di produrre fino a 250 uova ciascuno tra la fine di maggio e la metà di agosto.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.