Gli ungheresi in Ucraina vogliono l’autonomia

Scritto da: Ksenia Melnikova
Fonte:http://italian.ruvr.ru/2014_04_23/Gli-ungheresi-in-Ucraina-vogliono-l-autonomia-5589/

9hung-rom-ukrGli ungheresi che vivono in Ucraina sono favorevoli alla creazione di un’autonomia nazionale nella regione della Transcarpazia. E vogliono chiedere alle attuali autorità di Kiev di restituire ai deputati ungheresi la possibilità di rappresentare gli interessi delle minoranze nazionali in Parlamento.

Nonostante in Ucraina non sia consentito avere la doppia cittadinanza, Budapest concede ai residenti della Transcarpazia il passaporto ungherese. Si tratta di dare un supporto completo ai compatrioti, ha dichiarato il Ministro degli Esteri ungherese, János Martonyi.

Ungheresi e ruteni, stanchi delle azioni delle autorità ucraine, hanno deciso di allontanarsi da esse. Il parlamento locale avrà poteri legislativi, ossia l’assemblea nazionale ungherese-rutena. È già nato con il nome provvisorio per la futura autonomia di Confederazione Regionale della Transcarpazia dei popoli ungheresi e ruteni. Se gli ungheresi in Ucraina sono considerati una minoranza, i ruteni in questo paese non hanno alcun diritto, afferma Denis Kiryuhin, esperto del centro di Kiev per la politica ed i conflitti:

Da anni ci sono problemi con i ruteni. Questa è l’unica minoranza in Ucraina che Kiev ha sempre rifiutato di riconoscere. I rapporti tra ruteni e ucraini erano difficili e rimangono così fino ad ora.

I sostenitori dell’autonomia ungherese rutena affermano che tutti gli ungheresi, così come i ruteni, devono essere distinti dagli ucraini. Inoltre gli ungheresi hanno sostenuto la creazione di elezioni distrettuali “ungheresi” per la Verchovna Rada, il Parlamento ucraino. Stiamo parlando della possibilità di avere un candidato al parlamento che sia di origine ungherese e che provenga da questa zona.

Budapest vuole sostenere i propri connazionali. Come ha dichiarato l’ambasciatore ungherese in Ucraina Mihail Bayer, “gli ungheresi ucraini vorrebbero creare una regione autonoma e gestire i propri affari”.

Bayer non ha negato che l’Ungheria stia distribuendo attivamente passaporti ai residenti della Transcarpazia, anche se è vietato in Ucraina avere la doppia cittadinanza.
Così, la situazione è fuori il controllo di Kiev. I nazionalisti ucraini, appreso questo, hanno dato in escandescenza. Dopo la dichiarazione d’indipendenza dell’Ucraina, Kiev non pensa ad altro che a “costruire una nazione politica ucraina” senza considerare il mosaico etnico dei popoli che vivono nel paese. Insieme alla cittadinanza assegna a tutti una nazionalità ufficiale, ossia quella ucraina. In realtà, questo progetto ha portato ad una lenta distruzione della diversità etnica del paese. Non sorprende che gli abitanti della Transcarpazia si siano sentiti offesi, afferma l’esperto di politica ucraino Rostislav Iščenko.

Come gli “arancioni”, il movimento di protesta nato in Ucraina, le attuali autorità di Kiev in ogni occasione hanno criticato il patto Molotov-Ribbentrop, anche se grazie ad esso Kiev ha ottenuto la Galizia, la Volinia, la Bucovina e la Transcarpazia. Budapest è pronta a riesaminare le frontiere.
Per saperne di più: http://italian.ruvr.ru/2014_04_23/Gli-ungheresi-in-Ucraina-vogliono-l-autonomia-5589/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.