Olio di palma: chi distrugge la foresta?

Fonte: http://www.salvaleforeste.it/

CIMG6741
Greenpeace ha pubblicato oggi i risultati di un’investigazione sui colossi dell’industria alimentare: Chi di loro mantiene la promessa di fermare la deforestazione?  Appena sei mesi fa, i più grandi incendi boschivi del secolo hanno devastato le foreste dell’Indonesia, riducendo in cenere milioni di ettari di foresta pluviale, tra cui alcuni degli ultimi habitat di oranghi e rilasciando ogni giorno più gas serra dele emissioni medie degli Stati Uniti. L’ondata di fumo ha  colpito l’intera regione del Sud Est asiatico, e ha danneggiato la salute di milioni di persone.
La maggior parte degli incendi è stato collegato ale piantagioni per la produzione di carta e a quelle per la produzione di palma da olio, soprattutto se stabilite su torbiere (la roba, una volta drenata e asciugata, è altamente infiammabile). Greenpeace ha indagato su come l’industria alimentare sia ancora legata alla distruzione delle foreste pluviali dell’Indonesia.
Due anni fa la gran parte dei grandi marchi – tra cui Mars, Mondelez e Procter & Gamble – ha fatto a gara nell’impegnarsi a proteggere le foreste pluviali.  Ma solo alcune di questi ha mantenuto la propria promessa di utilizzare solo olio di palma di origine sostenibile. La maggior parte infatti non ha fatto nulla, o ha avviato progressi lenti, che ancora non sono attuati. Sembra quasi che la promessa da sola possa bastare a darsi un’immagine vera: mantenerla non è poi così importante.
Il risultato è che l’industria dell’olio di palma è ancora la principale causa della distruzione di queste foreste. Di tutte le imprese intervistate da Greenpeace, Colgate-Palmolive, Johnson & Johnson e PepsiCo mostrano la performance più basse e non son in grado di assicurare prodotti privi di deforestazione.
Eppure l’olio di palma può essere prodotto in modo responsabile. Greenpeace ha lavorato con una comunità locale in Dosan, Sumatra, che sta producendo l’olio di palma e di proteggere e ripristinare la foresta circostante. E ci sono un sacco di altri organismi come questo in Indonesia che hanno bisogno di sostegno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.