Omicidio di Berta Cáceres: investigazione indipendente rivela i colpevoli

Fonte: http://www.salvaleforeste.it/it/popoli-indigeni/4348-omicidio-di-berta-c%C3%A1ceres-investigazione-indipendente-rivela-i-colpevoli.html

Chi si nasconde dietro l’omicidio di Berta Cáceres, il leader indigeno che s batteva contro la diga che avrebbe distrutto un’intero bacino fluviale in Honduras? Dopo venti mesi di inconcludenti indagini ufficiale, è un’associazione indipendente a rivelare i mandanti;  il Grupo Asesor Internacional de Personas Expertas (GAIPE), ha raccolto  documenti di pubblico dominio, intercettazioni telefoniche, email e fotografie, provano l’oscura trama che ha portato all’omicidio, la cui pianificazione è iniziata nel novembre 2015. L’impresa che sviluppa la diga di Agua Zarca, DESA, risulta tra i principali mandanti, con la coperta del governo dell’Honduras e il silenzio complice delle banche che finanziavano il progetto.
1. L’impresa: DESA
“Ho investito un sacco di soldi e capitale politico per ottenere questi tre mandati di cattura”. – scriveva nel 2013  un dirigente della DESA, riferendosi ai tentativi di arrestare Berta e altri due attivisti indigeni.
Il progetto della diga di Agua Zarca, approvato dai funzionari honduregni nel 2013, è una mega-diga multimilionaria che minaccia la sopravvivenza della comunità indigena Lenca e la salute del fiume Gualcarque. Berta e la sua organizzazione COPINH (il Consiglio civico delle organizzazioni popolari e indigene dell’Honduras) erano i suoi principali oppositori.
L’indagine del GAIPE ha rivelato che la DESA schierava forze di sicurezza private, sicari assoldati e influenzava le forze dell’ordine per neutralizzare Berta e altri attivisti indigeni che si opponevano alla diga di Agua Zarca.

2. Il governo
“Ho richiesto l’aiuto del commissario … e ha promesso il suo sostegno. Condividerà i dettagli dell’omicidio con me e ha suggerito di rilasciare una dichiarazione di dissociazione dall’evento. “- scrive un dirigente della DESA 14 ore dopo l’omicidio di Berta.
L’inchiesta riporta anche frequenti incontri tra dirigenti e partner DESA, autorità governative dell’Honduras e forze di sicurezza già nel 2012. Questi incontri hanno aperto la porta degli uffici di polizia e dell’esercito ai dirigenti della DESA, per gestire assieme la repressione degli indigeni che si opponevano alla diga di Agua Zarca.
Il Ministero della sicurezza nazionale dell’Honduras ha svolto un duplice ruolo, fornendo protezione al quartier generale del progetto di Agua Zarca e ai suoi dirigenti, e negandola a Berta, anche dopo che aveva ricevuto minacce di morte.

3. Le banche
La DESA non aveva abbastanza fondi per completare la costruzione della diga di Agua Zarca, e si è rivolta a banche come Banca centroamericana per l’integrazione economica, la banca olandese di sviluppo e il Fondo finlandese per la cooperazione industriale (Finnfund). Queste istituzioni hanno chiuso un occhio sulla sua strategia mesa in capo per reprimere Berta e altri attivisti.
Gli attivisti in Honduras ritengono che queste banche abbiano informazioni preziose sull’assassinio di Berta che non hanno ancora reso disponibili agli investigatori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.