Pressione in equilibrio grazie al tiglio

Fonte:http://www.riza.it/benessere/erbe-e-fitoterapia/3265/pressione-in-equilibrio-grazie-al-tiglio.html

Grazie alle infiorescenze e alla corteccia, il tiglio possiede un’azione sedativa utile al sistema cardiovascolare: con la passiflora, contrasta il nervosismo

uid_137cb5723f7.650.340

Le sue parti più utilizzate sono le infiorescenze, ma anche l’alburno (la corteccia più esterna) possiede importanti virtù terapeutiche. Il tiglio ha un’importante azione sedativa generale, ansiolitica e antispasmodica. Contiene principi attivi quali polifenoli, flavonoidi (tiliroside), mucillaggini e oli essenziali. L’effetto calmante del tiglio è prezioso in tutti i casi di nervosismo e agitazione concomitante a gastralgie, colite con spasmi all’addome, cefalea e colon irritabile. Il tiglio presenta anche un’azione vasodilatatrice e coadiuvante nell’ipertensione, probabilmente grazie a una diminuzione delle resistenze vascolari periferiche; per questo è utile come coadiuvante in caso di cefalee vasomotorie o muscolo tensive.

L’infuso di tiglio

Il tiglio si usa in infuso: mettere in infusione 2 grammi di pianta in una tazza di acqua bollente e lasciare riposare per 10 minuti circa. Tre tazze al dì.

L’idea in più: insieme ai fiori di sambuco e di camomilla, in parti uguali, il tiglio è super rilassante.  Mettete in infusione 3 cucchiaini di miscela in una tazza d’acqua bollente; filtrate dopo 10 minuti e bevete.

Gocce e capsule anti ipertensive

Molto usato è il macerato glicerico  (Tilia tormentosa MG 1 DH), ottenuto dalla macerazione di gemme fresche di tiglio. Utile in caso di stress accompagnato da ipertensione e palpitazioni, è particolarmente indicato in tutti quei casi in cui una componente ansiosa coinvolge in modo importante anche lo stomaco che risulta più teso e contratto.

Come usarlo

Le dosi sono: 30-40 gocce fino a tre volte al dì in poca acqua (da sorseggiare lentamente) lontano dai pasti. Per i bambini, la dose varia da tre a 10-15 gocce a seconda dell’età.

Insieme a Passiflora vince il nervosismo

Il tiglio è utilizzato anche in tintura madre (Tilia cordata TM). La posologia è di 30 gocce tre volte al dì, sciolte in poca acqua.

Come usarlo: In caso di nervosismo, associare le tinture madri di Passiflora, Escholzia e Tiglio, in parti uguali. Prendere 30 gocce tre volte al dì della miscela.

L’estratto secco, il più pratico

Un’altra formulazione facilmente reperibile è l’estratto secco, in capsule da 50, 100 mg . La dose è di 1-2 capsule, 3 volte al dì.

Curiosità

Anche la pelle si giova dall’uso del tiglio. Un impacco esterno con il decotto di fiori di tiglio ha un’azione decongestionante e rinfrescante su occhiaie e palpebre gonfie e infiammate, emolliente sulla pelle sulle mucose arrossate; risulta ottimo infine per scottature, eritemi solari e dermatiti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.